20 Novembre 2019

Tu ti senti?

Ho passato una vita nella testa e troppo tempo a pensarci su.

Ore e ore ad arrovellarmi per prendere decisioni, studiando strategicamente come mi sarei dovuta sentire e cosa avrei dovuto dire.  Raramente mi sono sentita dire “sentiti”, ma infinite volte “pensaci su”.

Nella nostra società è per quello che veniamo premiate. A partire dalla scuola dove prendiamo voti alti se ragioniamo, non se sentiamo.  Nel lavoro ci è richiesto un modo di lavorare che per la maggior parte non tiene in considerazione il nostro super potere: l’intuizione. Ed ecco che procediamo instancabili in un modo che non e’ del tutto nostro e finiamo per sentirci insoddisfatte e alla fine non sappiamo neppure perché.  Il nostro corpo deve essere bello, magro, prestante, elegante, depilato e lo tiriamo talmente tanto che molte di noi pensano di essere sfigate se abbiamo bisogno di riposo o di prenderci cura di noi.  Nel business ci propongono infinite strategie efficaci di branding, marketing, social media, ma raramente ci insegnano a collegarci con il nostro sentire di modo da fluire. Persino in amore ci passiamo tra di noi tattiche, consigli e ragionamenti per vincere. E, ironia della sorte, di solito in amore quando giochiamo per vincere, vinciamo lo stronzo 😉

E giusto per evitare fraintendimenti… Io amo la mia testa. È veloce. Brillante. Fa delle connessioni e implementa dei progetti da 10 e lode.  Ma non sente, anzi, spesso contesta ciò che sento con ragionamenti che non fanno una piega e mi lasciano confusa. Mi fa sentire meno, sì perché se insegue determinati pensieri spesso il risultato è che provoca delle emozioni, perché finisce per fare confronti su numeri e dimentica quale sia la mia strada.

Per fortuna ad un certo punto ho iniziato a sentire e a capire come farlo senza scapparne. E tiro in mezzo lo scappare perché sentire significa sentire tutto: il bello, il brutto, il niente, il piacere, il dolore, l’insoddisfazione, la gratitudine e il chissenefrega.

Sviluppare la mia intuizione è stato un viaggio.

Arrivare a capire cosa è giusto e cosa è sbagliato per noi stesse vuol dire prendere una strada dentro e non sapere quale sia il percorso.

Quella strada è unica, proprio come noi.

E’ solo grazie al mio sentire che io mi sono davvero conosciuta come donna, come compagna, come amica, come figlia, come collega e ho raggiunto una cosa che tutti vogliamo e che neppure tutti i soldi del mondo possono comprare, la mia anima.

E l’ho raggiunta grazie al mio corpo, non alla mia testa, grazie al mio sentire e non grazie al mio ragionamento.

Ci ho messo anni a capire, fare mia e accettare questa strada.

Ci ho messo anni a non scappare da questo e a tuffarmici dentro anche quando è stato scomodo.

Ed è stato ancora più difficile proprio perché la nostra società ci insegna ad andare nella direzione opposta.

E le occasioni e i modi per non sentire sono infiniti: cibo, alcool, netflix, relazioni non relazioni.

L’intuizione, il sentire, il sapere NOI cosa desideriamo davvero, sono doni innati che si sono sepolti sotto richieste esterne, insegnamenti, educazione, anni di funzionamento in questo modo.

Questo è quello che ha aiutato me a sentirmi di più. Senti se qualcosa ti risuona.

  • Ballare bendata con una musica che adoro.
  • Ballare Qoya.
  • Camminare nella natura.
  • Scrivere.
  • Fare esercizi con l’uovo di giada.
  • Fare l’amore.Breathwork.
  • Tantra.
  • yoganidra.
  • Sognare.
  • Esprimere desideri.
  • Ridere e fare scherzi.
  • Giocare.
  • Entrare nel mio grembo e lavorare da lì.
  • Lavorare per ViviAccesa.
  • Ascoltare le donne raccontarsi.
  • Rispondere alla domanda: cos’è il piacere per me in questa situazione e come posso viverlo?

Imparare a entrare in questo meraviglioso corpo, imparare a sentirci e vivere la nostra vita da lì è una vera rivoluzione.

Tu ti senti?

Vivi Accesa

 

Ecco 12 segreti per lasciarti andare.

Altri articoli simili…

Tu che puoi

Tu che puoi far l’amore con chi vuoi. Tu che puoi darti piacere quando vuoi. Tu che puoi portare i...

leggi tutto

Ti vedo

Ti vedo. Insoddisfatta di parti della tua vita e questa sensazione sorda e fastidiosa che ti...

leggi tutto

Sfigata

Ho riflettuto a lungo negli anni, essendo io un'anticonformista di natura, sul concetto...

leggi tutto
Elisa

Elisa

Mi chiamo Elisa, sono la SacerdoSex Attivatrice di Piacere, e ti aiuto a tornare ad amare il tuo corpo e godere, risvegliando la tua natura orgasmica e la tua sensualità.
Sono qui per te. Per farti sentire al sicuro nella tua femminilità e far riaffiorare la parte più viva di te. Leggi di piu…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *